Ti prometto sogni belli: il mio primo libro

Dic 15, 2020 | Favole e filastrocche, In primo piano, Un po' di me | 0 commenti

Ti prometto sogni belli: il mio primo libro

Scritto da Elisabetta Pieragostini

15 Dicembre 2020

Se me lo avessero detto anche solo qualche mese fa non ci avrei mai creduto, invece oggi posso toccare con mano il mio primo libro: Ti prometto sogni belli.

Non che sia una persona che non ha fiducia nelle proprie capacità, è più che altro che forse non ci avevo mai creduto abbastanza lasciando che ogni altro impegno prendesse quel posto. La giustificazione, o forse la scusa, era sempre la stessa: “ci sono cose più importanti da fare prima”.

E invece da neanche due mesi sono successe tante cose che mi stanno portando a riscoprire la parte migliore di me. Ho deciso di aprire questo blog e di coltivarlo con costanza, di seguire il mio profilo Instagram raccontando le mie riflessioni e di non abbandonare mai più il desiderio di scrivere.

Perché io le scatole voglio rompervele ancora anche con altri libri, eh: il mio sogno è il romanzo!

Ti prometto sogni belli è un libro che racchiude favole nate in diversi momenti della mia vita che ho poi ripreso, assemblato, cucito, ricucito, rammendato e che, alla fine, hanno visto la loro luce.

Ma perché l’ho fatto?

5 motivi per cui ho scritto Ti prometto sogni belli

 

  • Perché ho scritto favole?

Perché mi sono sempre piaciute, fin da quando ero bambina. Ho sempre raccontato alle mie nipoti prima e alle mie figlie poi le favole degli altri, anche se già allora ogni tanto ne inventavo anche a loro. Lo trovo stimolante sotto tutti i punti di vista; creare personaggi di fantasia con i loro nomi mi ha sempre dato accesso a infiniti mondi che potevo plasmare senza limiti. Vedevo in loro curiosità, attenzione e ascolto. Poi diversi anni fa ho gestito per il Comune del mio paese una Scuola dell’Infanzia paritaria e ho capito la vera importanza delle favole. Come diceva il famoso scrittore Chesterton “Ho lasciato le favole in una stanza della scuola materna, e da allora non ho trovato nessun libro così sensato”.

  • Ora scatta la seconda domanda del perché: perché sono importanti le favole?

Attraverso le favole il bambino scopre il suo mondo interiore utilizzando lo strumento che gli è più affine: il gioco. Sono utili per accompagnarlo nella sua crescita perché il linguaggio è alla sua portata. Dalle favole il bambino trae insegnamenti, soprattutto se noi adulti spieghiamo la favola e lo aiutiamo a sviluppare il suo pensiero magico. Infine il bambino si identifica con i personaggi facendogli vivere avventure di tutti i generi ed emozioni speciali. E questo momento diventa ancora più unico se viene accompagnato dalle carezze e dalle coccole di mamma e papà.

  • Perché hai deciso di tirare fuori dal cassetto le favole e non le hai lasciate dentro?

Perché un giorno ho deciso che era arrivato il momento di fare pulizia, di buttare da questi cassetti le cose che non mi facevano più bene e di far prendere aria a tutte quelle che invece volevo ancora indossare e usare. Ho realizzato semplicemente i miei sogni, investendo su di me, che è la prima cosa che ogni persona dovrebbe fare. Non l’ho pubblicato certo per diventare ricca e famosa, ma per raccontare a tutti le mie storie, adulti compresi. È un libro per bambini ma le favole sono per tutti e dalle favole impariamo tutti, ad esempio a conoscere meglio i nostri figli, a donare loro sani principi e tanto altro ancora. Sono partita da me e dalla mia infanzia raccontando favole, ma voglio andare avanti, e già lo sto facendo in questo blog scrivendo un po’ di me, dell’amore, della famiglia, insomma parlo di vita senza mai dimenticare che la vita è una favola.

  • Perché si dovrebbe leggere Ti prometto sogni belli?

Intanto perché l’ho scritto io, una mamma; non è banale come risposta, tantomeno presuntuosa. Noi mamme possiamo donare tanto ai nostri figli e possiamo capire i bambini, a volte sbagliando, ma sappiamo bene di cosa hanno bisogno, soprattutto se impariamo a unire esperienze e risorse nutrendoci del mondo che ci circonda, intessendo rapporti e coltivando noi stesse. Nel mio libro racconto favole che cercano di non essere solo belle e sognanti, ma di accostarsi alla realtà integrandosi con le esperienze di tutti i giorni, come in “Nonno Dante ed il suo orto magico”, che aiuta i bambini a capire l’importanza di mangiare frutta e verdura attraverso il gioco e il divertimento, anche cantando la canzoncina di Melania la melanzana.

Insomma Ti prometto sogni belli si dovrebbe leggere perché le favole esistono e ci accompagnano durante la crescita per imparare a capire il Mondo in tutte le sue sfaccettature, come l’attenzione all’ambiente o il capovolgimento del paradigma della bambina-principessa e del bambino-cavaliere.

  • Perché le hai usato la forma scritta e perché un libro interattivo?

Perché le parole scritte restano anche nel tempo.

I bambini anche quando crescono possono rileggerle e quando saranno adulti le potranno raccontare ai loro figli. Viviamo in un mondo tecnologico ed è bello non perdere l’abitudine di avere un libro tra le mani, sfogliarlo, leggerlo e rileggerlo.

Perché interattivo? La parte scritta mi ha permesso di rivivere l’incanto del “C’era una volta” che ho condiviso con le mie figlie Matilde e Viola, ma proprio pensando a loro e a quanto ci piace creare, ho deciso di aggiungere pagine interattive da condividere dedicando ai nostri figli del tempo, quello che spesso ci manca per la frenesia della vita che conduciamo. Lo so che non tutti i genitori sono portati per i lavoretti, ma ve lo giuro, sono semplicissimi e poi, fidatevi, sono proprio i nostri bimbi a insegnarci come migliorare!

Questo libro infatti l’ho praticamente condiviso con loro in tutti i passaggi della sua creazione; i disegni sono fatti da Matilde, e tutte e tre li abbiamo pensati con cura sperimentando insieme come poterli colorare e come renderli speciali con scatole di colori magici… se leggerete il libro scoprirete anche qualcosa sulla magia dei colori.

Beh, penso di avervi raccontato tutto. Spero che Ti prometto sogni belli vi faccia buona compagnia e taggatemi sui vostri post e nelle vostre stories.

Buona lettura e buon divertimento a tutti!

Related Articles

Articoli collegati

Seguimi

Iscriviti

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli ultimi articoli

Follow Us

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Share This