Sostenibilità ambientale: partiamo dai bambini

Feb 16, 2021 | In primo piano, Spunti dal Pianeta Terra, Ultime novità | 0 commenti

Sostenibilità ambientale: partiamo dai bambini

Scritto da Elisabetta Pieragostini

16 Febbraio 2021

Chi mi conosce sia per motivi personali che per lavoro sa che negli ultimi anni ho dato grande importanza alla ricerca della sostenibilità. Faccio parte di un Green Social Club e in azienda mi occupo personalmente dei vari protocolli. Ultimamente si parla tanto di sostenibilità ambientale, ma cosa significa in parole semplici? Preservare e curare le risorse naturali della Terra evitando che vengano sfruttate così da garantire un futuro alle prossime generazioni di un ambiente migliore.

Penso che noi adulti abbiamo il compito di parlare di sostenibilità ambientale e di farlo soprattutto con i nostri figli e con i bambini in generale, perché è da piccoli che dobbiamo insegnare loro il rispetto della casa in cui viviamo, non solo le mura domestiche ma soprattutto il pianeta che ci ospita. La Terra è la casa di tutti e, attraverso piccole cose, perché i bambini imitano noi grandi, abbiamo il dovere di contribuire al mantenimento e alla cura di questo povero mondo così bistrattato.

La sostenibilità ambientale oggi

 

Chiunque tra noi avrà sentito parlare di Greta Thunberg, che dall’età di otto anni si interessa di cambiamento climatico. Nel 2018, all’età di quindici anni, Greta urla al mondo intero che i grandi devono fare qualcosa per le generazioni future perché stiamo distruggendo l’ambiente con le nostre azioni.

Greta Thunberg ci insegna che tutti possono parlare di sostenibilità e non si è mai troppo piccoli per farlo, anzi sono proprio i bambini a fare la differenza. Quei bambini che saranno i governatori, i politici, gli amministratori e i dirigenti di domani.

Pensate che sia difficile parlare ai nostri figli di sostenibilità ambientale? Non lo è, fidatevi, basta iniziare con piccole azioni quotidiane come la raccolta differenziata per poter riciclare gli oggetti, perché come ho scritto nel mio libro Ti prometto sogni belli la bottiglia di plastica Nina, se viene messa nell’apposito cestino, potrà trasformarsi in qualcos’altro di utile e in quella favola è diventata una panchina. Spieghiamo ai nostri bambini l’importanza di differenziare i rifiuti perché le cose possono trasformarsi in tantissime altre ed essere riutilizzate. Poi insegniamo loro a non sprecare il cibo, oltre ad una sostenibilità alimentare dobbiamo far capire che ci sono bambini che in molti Paesi non hanno accesso a una sana alimentazione anche perché il capitalismo selvaggio ci ha portato a prendere risorse senza trasformarle in altre a vantaggio di tutti. I bambini sono molto sensibili e sanno rispettare le regole. Insegniamo loro che se ognuno nel proprio angolo di mondo si comporta in maniera rispettosa, tutte i popoli ne trarranno beneficio.

Sostenibilità ambientale: l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile

 

Adesso vorrei fare una piccola riflessione sull’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile – nel sito italiano di riferimento delle Nazioni Unite potrete trovare tutti gli approfondimenti – e condividerne con voi gli obiettivi così da riflettere insieme sull’impatto che possono avere tutte le nostre singole azioni nella vita del Mondo:

  1. Lotta alla povertà e alla fame nel mondo evitando di sprecare cibo;
  2. Garantire a ogni bambino il diritto alla salute e all’istruzione;
  3. Eliminazione dei pregiudizi di genere e dialogo sulla parità fin dal gioco adottando un linguaggio inclusivo;
  4. Incentivazione dei fonti di energia pulita per far vivere bene ogni bambino in un mondo più sano;
  5. Promozione del lavoro dignitoso per garantire un futuro diverso ai nostri figli;
  6. Città sostenibili;
  7. Lotta contro il cambiamento climatico;
  8. Promozione di politiche e attività per incentivare il rispetto della Vita sulla Terra e della Vita sott’Acqua.

La sostenibilità ambientale a casa nostra

 

Probabilmente tra Green Social Club e protocolli aziendali che studio per il mio lavoro, a casa nostra avrò fatto due pianeti così! Ma sapete cosa vi dico e cosa mi rende davvero felice?

Matilde è una fan di Greta e con la saggezza dei suoi 11 anni avrebbe scritto qui al mio posto:

Siamo giovani, siamo piccoli ma possiamo fare la differenza, prendiamoci cura del nostro pianeta giocandoci e divertendoci. Noi bambini diventiamo i maestri dei nostri genitori e di tutti gli adulti, diventiamo gli influencer della sostenibilità, realizziamo un blog dove scrivere tutte le cose che dobbiamo fare, le cose positive, le buone notizie per salvare la nostra Terra. Tornate tutti bambini e lasciatevi contagiare dalla nostra curiosità, dalla nostra voglia di crescere, dalle nostre emozioni e dalla nostra voglia di cambiamento. Noi non abbiamo paura di cambiare, vogliamo un mondo migliore, pulito e dove vivere in maniera sostenibile.

Mia figlia è un’insegnante bacchettona, se fosse a capo di qualcosa già la sentirei con la differenziata, la plastica, ci farebbe rigare dritti e farebbe bene, perché abbiamo bisogno di speranza, speranza di avere un mondo migliore, ma anche di disciplina che poi però con la pratica quotidiana diventa normalità.

Partiamo dai bambini, soprattutto quelli che troviamo dentro di noi e non lasciamoci prendere dalla pigrizia di cattive abitudini maturate negli anni perché non possiamo più permettercelo. Tra pochi decenni rischiamo di non avere alberi sotto cui trovare frescura, foreste per poter respirare, i mari si stanno saturando di plastica e i pesci se ne stanno cibando.

Impariamo a consumare consapevolmente, preferiamo i vegetali di stagione, riduciamo i cibi confezionati, spegniamo le luci quando non sono necessarie, non abusiamo di riscaldamenti e climatizzatori, manteniamo una temperatura costante in casa, non sporchiamo gli spazi pubblici e se lo facciamo cerchiamo di lasciare pulito.

Vi piacerebbe se qualcuno venisse a casa vostra a buttare la spazzatura in salotto?

La Terra è un bel posto e vale la pena lottare per lei.” (Ernest Hemingway)

Related Articles

Articoli collegati

Seguimi

Iscriviti

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per ricevere gli ultimi articoli

Follow Us

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Share This